La serrò tra le braccia, il blu

La serrò tra le braccia, il blu
e l’amò nel giardino della settima vita
ancora su, per le scale
sul pianerottolo tra i quinto e il sesto
alla luce delle finestre
una volta ancora
oltre la porta dell’ultimo piano

Salì al terrazzo portandola a braccia
la luna, più in alto
capogiro d’amore
e lo stupore del volo, un fiato di stelle
dispari
il brillio dell’orsa maggiore

l’amò, fino a vederla svanire
nel bianco colore.

_____________________________________
Franco A. Canavesio – 17 novembre 2014

Categorie: Poesia

Andrea

Nato in un piccolo paese del SUD Casarano, ho studiato e lavoro in una bella città del NORD Firenze. Ho girato un poco il mondo, non quanto avrei voluto, ora vivo nella TERRA DI MEZZO., un po’ in una casa in città, un po’ in una casa al mare; un po’ qui in una casa virtuale, un po’ la dove mi porta il cuore.

Lascia un commento