Freeman Dyson

Freeman Dyson – La storia di una rana.

“I matematici non sono tutti uguali. Alcuni si possono paragonare agli uccelli, perché volano alto e osservano le vaste distese della materia, gettano lo sguardo fino all’orizzonte, amano concetti che unificano il pensiero matematico e mettono insieme problemi diversi provenienti da parti differenti del paesaggio. Altri sono simili alle rane. Leggi tutto…

Farm Hall

Farm Hall – La villa dei dieci cervelli dell’atomica tedesca.

Farm Hall – La villa dei dieci cervelli dell’atomica tedesca. Dieci scienziati tedeschi catturati dagli Alleati vennero confinati in tutta segretezza in una villa nei dintorni di Cambridge, per l’avvio della “Operazione Epsilon”: l’operazione consisteva nel registrarne le conversazioni e studiarle per determinare quanto fossero vicini i nazisti alla produzione Leggi tutto…

Murray Gell-Mann

Murray Gell-Mann – La stranezza dei quark.

La stranezza dei quark. Quriosità di un fisico che voleva fare il linguista o l’archeologo. Murray Gell-Mann è stato un fisico teorico noto per aver dato il nome di quark, ad alcune strane particelle costituenti ultimi della materia. Come racconta nel suo libro “Il Quark e il Giaguaro, avventure nel Leggi tutto…

Lev Landau

Lev Landau – La classe non è acqua.

Nel 1962 un gravissimo incidente stradale pose fine alla sua brillante carriera e lo allontanò dai laboratori fino alla sua morte; aveva solo 44 anni. In quello stesso anno vinse il premio Nobel. Lev Landau è universalmente conosciuto per i suoi lavori riquardanti diverse branche della fisica moderna. Accademico delle Leggi tutto…

Maria Goeppert

Maria Goeppert – Nobel per la Fisica nel 1963

Maria Goeppert è stata la seconda donna delle quattro che hanno ricevuto il Nobel per la Fisica nel 1963, dopo Marie Curie che l’aveva ricevuto nel 1903 insieme al marito Pierre Curie e ad Antoine Henri Becquerel. La motivazione: la scoperta del modello a guscio della struttura del nucleo atomico. Leggi tutto…

Cecilia Payne

Cecilia Payne Gaposchkin, colei che ha reso l’Universo più leggero.

E’ il 1919, l’anno in cui Cecilia Payne entra in un college femminile dell’Università di Cambridge. Sir Arthur Eddington, il più illustre astrofisico britannico, presenta in una conferenza i risultati delle misurazioni effettuate durante un’eclissi di Sole nell’isola di Principe, che confermano la validità della teoria della relatività generale di Leggi tutto…

Henrietta Leavitt

Henrietta Leavitt la donna che ci ha fatto vedere un universo infinitamente più grande.

Henrietta Leavitt nasce a Lancaster, in Massachusetts, nel 1868 in un’epoca in cui le possibilità di una carriera scientifica per le donne erano prossime allo zero. Figlia di un pastore protestante è costretta a spostarsi per l’America più volte con la famiglia; a Cleveland, in Ohio, frequenta l’Oberlin College, la Leggi tutto…

Raman

L’effetto Raman

Durante un viaggio in mare da Londra a Calcutta, il Professor Raman rimase colpito da una sorprendente differenza di colore tra il cielo e il mare al tramonto. Il cielo appariva blu, mentre il mare sembrava verde. Si chiese a cosa fosse dovuta questa differenza di colore? Quella domanda lo Leggi tutto…

Giorgio Parisi, In un volo di storni. Le meraviglie dei sistemi complessi

Il Nobel ad “Un volo di storni” In una calda mattinata d’inizio d’estate, migliaia di storni, volteggiano nei cieli di Roma. Vicino alla facoltà di Fisica della Sapienza, alcune decine di giovani, con le loro cineprese e macchine fotografiche puntate all’insù stanno riprendendo non si capisce bene cosa. La cosa Leggi tutto…

Carlo Rubbia, I Bosoni W e Z.

In fisica un bosone è una particella subatomica che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein al contrario dei fermioni che seguono la statistica di Fermi-Dirac. Bosoni e fermioni sono le due famiglie fondamentali in cui si dividono le particelle. Il nome “bosone” è in onore del fisico indiano Satyendranath Bose. Nel Leggi tutto…

Laura Capon e il Suo Enrico

Laura Capon ed Enrico si erano conosciuti all’Università la Sapienza, durante i suoi studi, Enrico era già professore della prima cattedra italiana di Fisica Teorica da poco istituita apposta per lui. Il matrimonio fu celebrato nel 1928. La coppia ebbe Nella ne 1931 e Giulio nel 1936. Nel 1938 a Leggi tutto…

Ettore Majorana – Il calcolo per lui era solo un gioco

Uno dei primi importanti lavori scritti da Fermi, quando era a Roma all’Istituto di Via Panisperna, era “Un metodo statistico per la determinazione di alcune proprietà dell’atomo”, oggi noto come metodo di Thomas-Fermi. Questo modello descrive, in modo approssimato, il comportamento degli elettroni attorno a un nucleo atomico e fu scoperto in maniera indipendente dai due fisici.Quado stava scrivendo l’articolo, Fermi si imbatté in una strana equazione differenziale, non lineare, e con particolari condizioni al contorno. Per risolverla ci mise una settimana di assiduo lavoro e l’aiuto di una piccola calcolatrice. Majorana, che era da poco entrato a far parte del gruppo (e che era sempre molto scettico quando qualcun altro calcolava) decise di verificare la correttezza, o meno, del risultato trovato da Fermi. Andò a casa e riuscì a ricavare da quella complicata equazione un’equazione nota (simile a quella di Riccati). Trovò un risultato senza l’ausilio di nessuna calcolatrice, usando solo le sue straordinarie abilità di calcolo. Il giorno dopo tornò in Istituto e confrontò i suoi dati e quelli di Fermi: rimase completamente sconvolto nel constatare che i due risultati coincidevano.

Il Nobel 2020 va ai Buchi Neri

L’Accademia Reale Svedese delle Scienze ha deciso di assegnare il Premio Nobel per la Fisica 2020 a Roger Penrose “per la scoperta che la formazione dei buchi neri è una robusta previsione della teoria della Relatività Generale” e, congiuntamente, a Reinhard Genzel e Andrea Ghez, “per la scoperta di un Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: