Il repertorio di Svjatoslav Richter era a tal punto sconfinato che, probabilmente, nessun altro pianista, sia tra quelli di ieri che tra quelli odierni, può vantarne uno altrettanto ricco, complesso e variegato. Richter, durante l’arco della sua leggendaria carriera, si cimentò con barocca, classica, romantica, del ‘900 (compresa quella dodecafonica). Tra i compositori affrontati abitualmente in da Richter c’erano Bach, Händel, Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert, Chopin, Dvořák, Liszt, Schumann, Brahms, Grieg, Debussy, Ravel, Musorgskij, Skrjabin, Prokof’ev, Rachmaninov, Šostakovič, Hindemith. Tale immenso repertorio comprende per solo, concerti per pianoforte e orchestra, cameristica e un ampio corpus di musica liederistica.

Testo: Liberamente tratto da Wikipedia
Immagini: Selezionate da Google
Video: Youtube

 


Andrea Natile

Ho studiato Ingegneria Elettronica a Firenze e ho lavorato in aziende di importanza internazionale come Informatico in diversi settori applicativi. Attualmente i miei interessi principali sono la musica e la storia.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: