Ivo Pogorelić

Pubblicato da Andrea Natile il

Ivo (Belgrado, 20 ottobre 1958) è un croato; nato nel 1958 a Belgrado, all’epoca capitale della Jugoslavia, da padre di etnìa croata e madre serba.
Iniziati gli studi di pianoforte a sette anni, fu invitato dodicenne a Mosca per proseguire gli studi presso la Scuola Centrale di Musica con Evgenij Timakin; in seguito si diplomò al conservatorio di Mosca e, nel 1976, divenne allievo della concertista Aliza Kezeradze, che a sua volta era cresciuta alla scuola di Aleksandr Ziloti; Kezeradze, di oltre vent’anni più anziana di Pogorelić, lo sposò nel 1980 quando questi aveva 21 anni; il matrimonio durò fino alla morte di lei avvenuta nel 1996.
Pogorelić vinse il Premio Casagrande a Terni nel 1978 e il Concorso internazionale di Musica a Montréal nel 1980, ma fu un riconoscimento negato a sancirne la celebrità: al concorso internazionale per pianoforte intitolato a Fryderyk Chopin tenutosi a Varsavia del 1980 fu eliminato al terzo turno, cosa che indusse una delle giurate, la pianista argentina Martha Argerich, a lasciare la giuria per protesta.
Pogorelić debuttò a New York al Carnegie Hall nel 1981 e a Londra nello stesso anno. Da allora, ha suonato in molti recital in tutto il mondo, come solista e insieme alle orchestre più famose, tra le quali la Boston Symphony Orchestra, la London Symphony Orchestra, la Chicago Symphony Orchestra, la Wiener Philharmoniker, la Berliner Philharmoniker, l’Orchestra di Parigi e molte altre. Pogorelić iniziò ad incidere per la Deutsche Grammophon e nel 1982 è diventato uno degli artisti esclusivi dell’etichetta. Sue sono oltre quindici registrazioni di opere di Bach, Beethoven, Brahms, Chopin, Liszt, Mozart, Mussorgsky, Prokofiev, Ravel, Scarlatti, Scriabin e Čaikovskij.
Nel 1986 Pogorelić ha istituito una fondazione per favorire la carriera dei giovani artisti provenienti dalla sua patria. Dal 1989, il Festival Ivo Pogorelić a Bad Wörishofen dà l’opportunità a giovani artisti di suonare insieme ad artisti di fama. Nel dicembre 1993, Pogorelić fondò il Concorso Internazionale per pianoforte solista in collaborazione con la Ambassador Foundation in Pasadena (California).
Nel 1994 aiutò a fornire supporto medico per la gente di Sarajevo organizzando dei concerti di beneficenza. In seguito ha contribuito a ricostruire la città, aiutando la Croce Rossa e la lotta contro le malattie quali il cancro e la sclerosi multipla. Nel 1988 è stato nominato “Ambasciatore” dall’UNESCO.
Dopo la morte della moglie, non ha più inciso e anche le sue esecuzioni in pubblico sono divenute piuttosto rare.

 

Categorie: Pianista

Andrea Natile

Ho studiato Ingegneria Elettronica a Firenze e ho lavorato in aziende di importanza internazionale come Informatico in diversi settori applicativi. Attualmente i miei interessi principali sono la musica e la storia.

Lascia un commento