Radamés Gnattali – Alma Brasileira

Pubblicato da Andrea Natile il

Radamés nasce a Porto Alegre (la capitale del Rio Grande do Sul , lo stato più meridionale del Brasile) il 27 gennaio 1906. I suoi genitori erano entrambi musicisti emigrati dall’Italia alla fine del XIX secolo. Sua madre, Adélia Fossati, era una pianista e insegnante di . Suo padre, Alessandro Gnattali, era stato un falegname in Italia, ma dopo essere arrivato in Brasile ha applicato la sua passione per la per creare una nuova carriera per se stesso come fagottista e direttore d’orchestra di successo (come leader sindacale con forti simpatie anarchiche ha anche continuato a organizzare uno sciopero del sindacato dei musicisti nel 1921). La coppia ha avuto cinque figli, tre dei quali, tra cui Radamés, prendono il nome da personaggi delle opere di Verdi (gli altri sono Aida ed Ernani ). Ha iniziato a suonare il pianoforte con sua madre all’età di 6 anni, e ha continuato a studiare il violino con la cugina Olga Fossati. All’età di 9 anni ricevette un premio dal console italiano per aver diretto un’orchestra di bambini con arrangiamenti suoi. Negli anni successivi, ha anche imparato la chitarra e il cavaquinho e ha iniziato a suonare questi strumenti in un gruppo di successo chiamato Os Exagerados , oltre a film muti e balli. Nel 1920, all’età di 14 anni, entrò alla Scuola di Belle Arti dell’Università del Rio Grande do Sul , dove studiò con il musicologo e insegnante di pianoforte Guilherme Fontainha (allievo di Vianna da Motta ), vincendo infine una medaglia d’oro per suonare il pianoforte nel 1924. Si trasferì poi a Rio de Janeiro , dove tenne una serie di recital pianistici di successo, mentre studiava anche all’Istituto Nazionale di Musica. Risale a questo periodo la sua associazione per tutta la vita con Ernesto , il famoso compositore di musica nazionale .
Tornato a Porto Alegre per mancanza di soldi, Gnattali fonda il Quarteto Henrique Oswald , nel quale suona prima come pianista e poi come violinista. Una performance del 1929 come solista nel concerto per pianoforte in si bemolle di Tchaikovsky , suonato con l’orchestra del Teatro Municipal di Rio de Janeiro, fu elogiata dalla stampa ma non portò a una carriera a lungo termine come pianista da concerto. Gnattali iniziò invece una carriera a Rio come direttore e arrangiatore di successo di musica popolare, attività che tendevano a distogliere la sua attenzione da altri generi. Le esigenze finanziarie lo portano a lavorare per stazioni radio e case discografiche come pianista, direttore d’orchestra e arrangiatore di musica popolare.
La sua musica di sottofondo per le serie radiofoniche e i suoi abili arrangiamenti delle melodie e dei balli del giorno lo hanno reso una figura di successo. Parallelamente, ha intrapreso la carriera di compositore autodidatta di musica classica. Mentre iniziava a comporre musica influenzato da materiali popolari brasiliani , ha continuato a sognare di diventare un grande artista di concerti. La possibilità di vincere un posto come professore di pianoforte presso l’Istituto Nazionale di Musica di Rio de Janeiro, con il sostegno del neo-insediato presidente del Brasile, Getúlio Vargas (dopo la Rivoluzione del 1930), che ha ricevuto il musicista di persona, è arrivata deludente nulla (anche se Gnattali successivamente commentò che l’incontro con Vargas gli cambiò la vita).  Quando nel 1936 fu inaugurata una stazione radio nazionale, Rádio Nacional , Gnattali fu subito coinvolto. È rimasto una figura influente nell’istituzione per 30 anni, dirigendo e fornendo arrangiamenti sofisticati di musica popolare. Ha sviluppato gradualmente la house band della radio, costruendola fino a diventare un’orchestra completa .
Muore a Rio de Janeiro il 3 febbraio 1988.
Testo: Liberamente Tratto da Wikipedia
Immagini:Google
Musica: Youtube
Andrea Natile

Andrea Natile

Ho studiato Ingegneria Elettronica a Firenze e ho lavorato in aziende di importanza internazionale come Informatico in diversi settori applicativi. Attualmente i miei interessi principali sono la musica e la storia.

Lascia un commento