Gioacchino Rossini – Il Barbiere di Siviglia

Pubblicato da Andrea Natile il

l barbiere di Siviglia è un’ buffa di Gioachino Rossini, in due atti, su libretto di Cesare Sterbini, tratto dalla commedia omonima francese di Pierre Beaumarchais del 1775.
L’opera fu commissionata a Rossini da Francesco Sforza Cesarini, impresario del teatro di patrocinio della sua famiglia, l’attuale Teatro Argentina, fatto erigere nel 1732 da suo nonno Giuseppe Sforza. Nel dicembre del 1815, Francesco Sforza Cesarini si accordò con l’allora venticinquenne perché scrivesse un’opera musicale di carattere gioioso e scherzoso che dovesse rappresentarsi al successivo carnevale 1816, ma egli morì d’infarto il 16 febbraio 1816, pochi giorni prima della “prima”. La rappresentazione de Il barbiere, comunque, si tenne lo stesso. La prima dell’opera rossiniana andò in scena il 20 febbraio, nel carnevale dell’anno 1816 al Teatro di Torre Argentina di Roma (odierno Teatro Argentina), con il titolo Almaviva, o sia L’inutile precauzione (in deferenza al Barbiere di Siviglia di Giovanni Paisiello del 1782) ma fu soffocata da una tempesta di proteste. Nel pubblico si trovavano infatti molti sostenitori del ‘vecchio’ maestro Paisiello che volevano far fallire l’opera. Tuttavia il giorno successivo, alla seconda rappresentazione, la serata mutò in un altrettanto clamoroso trionfo. L’opera di Rossini oscurò ben presto quella di Paisiello, divenendo non solo la più famosa del compositore pesarese, ma anche l’opera buffa per antonomasia. Ad esempio, ancora nel 1905, il celebre tenore Angelo Masini decise di chiudere la propria carriera con .
L’opera è ancor oggi tra quelle maggiormente eseguite nei teatri di tutto il mondo.
Atto I
Il Conte d’Almaviva è innamorato della bellissima Rosina, che abita nella casa del suo anziano tutore Don Bartolo, a sua volta segretamente intenzionato a sposarla. Il conte chiede a Figaro, barbiere nonché factotum (tuttofare) della città, di aiutarlo a conquistare il cuore della ragazza, alla quale ha dichiarato il suo amore con una serenata, ma senza rivelarle chi realmente lui sia: le ha fatto intendere d’esser Lindoro, un servo del Conte D’Almaviva. Figaro consiglia al conte di assumere un’altra identità fingendosi un giovane ufficiale, per giunta ubriaco, e di presentarsi in casa di Don Bartolo con il foglio che ne attesta il temporaneo diritto di residenza nella dimora, così da poter parlare con Rosina. Don Basilio, il maestro di della ragazza, sa della presenza del Conte di Almaviva a Siviglia e suggerisce a Don Bartolo di calunniarlo per sminuirne la figura, ma Don Bartolo vuole accelerare i tempi e, insieme a Don Basilio, si prepara a scrivere l’atto di nozze tra lui e Rosina. Figaro, che ha inteso tutto, lo comunica alla ragazza e la esorta a scrivere un biglietto a Lindoro; ma Rosina lo ha già scritto e lo consegna al barbiere, affinché questi lo consegni a Lindoro. Più tardi Don Bartolo, accorgendosi che Rosina ha scritto un biglietto, la rimprovera (a un dottor della mia sorte…)
Secondo i piani, il Conte d’Almaviva irrompe nella casa di Don Bartolo travestito da soldato ubriaco, ma crea una tale confusione da provocare l’intervento dei gendarmi; quando però il conte si fa riconoscere di nascosto dall’ufficiale, i soldati si mettono sull’attenti, lasciando Don Bartolo esterrefatto (guarda Don Bartolo sembra una statua…).
Atto II
Don Bartolo comincia a nutrire sospetti circa la vera identità del giovane ufficiale. Giunge il seducente maestro di musica Don Alonso (in realtà sempre il conte, questa volta sotto le mentite spoglie di un maestro di musica), affermando di essere stato inviato da Don Basilio, rimasto a casa febbricitante, per sostituirlo nella lezione di canto a Rosina. Per guadagnare la fiducia del tutore, il finto Don Alonso gli mostra il biglietto che Rosina gli aveva mandato. Nel frattempo giunge Figaro con il compito di fare la barba al padrone di casa. Arriva anche Don Basilio, e il suo arrivo genera la confusione più totale, ma qualche danaro da parte del conte lo fa allontanare: questo rende Don Bartolo sospettoso e, seppur Figaro faccia di tutto per distrarlo, questi, udendo parte del dialogo tra Rosina e il suo innamorato, caccia di casa Figaro e il conte.
Don Bartolo mette in pratica il consiglio di Don Basilio (la calunnia) e fa credere a Rosina che Lindoro non sia altro che un emissario del conte che voglia prendersi gioco di lei; la fanciulla, amareggiata, acconsente alle nozze con il suo tutore, che prontamente fa chiamare il notaio. In quel momento arriva anche Don Basilio, mentre con una scala Figaro e il conte entrano in casa dalla finestra e raggiungono Rosina. Finalmente il conte rivela la propria identità, per chiarire la situazione e convincere la fanciulla della sincerità del suo amore.
Don Bartolo ha però fatto rimuovere la scala e i tre complici si trovano senza via di fuga. In quel momento sopraggiunge il notaio, chiamato a redigere il contratto delle nozze tra Don Bartolo e Rosina. Approfittando dell’assenza temporanea del tutore, il conte chiede a Figaro e a Don Basilio (previa congrua ricompensa) di fare da testimoni e inserire nel contratto il nome suo al posto di quello di Don Bartolo. Giunto troppo tardi, a quest’ultimo resta la magra consolazione di aver risparmiato la dote per Rosina, che il Conte d’Almaviva rifiuta. Gli amanti coronano dunque il loro sogno.

Testo Precedente: Liberamente tratto da Wikipedia
Andrea Natile

VIDEO

Vasselina Kasarova – Rosina
Manuel Lanza – Figaro
Reinaldo Macias – Almaviva
Nikolái Ghiaúrov – Basilio
Carlos Chausson – Bartolo
Valeri Murga – Fiorillo
Peter Kalmán – Offizier

Per trovare i Vari pezzi nel Video, posizionatevi sul tempo (dall’inizio):

1:52 Overture – Sinfonia

9:20 Atto 1

1. Introduzione
09:20 “PIANO, PIANISSIMO, SENZA PARLAR”
(Fiorello, Coro, Conte)
CAVATINA
13:16 “ECCO, RIDENTE IN CIELO”
(Conte)
2. Cavatina
20:54 “LARGO AL FACTOTUM”
(Figaro)
3. Canzone
32:39 “SE IL MIO NOME SAPER VOI BRAMATE”
(Conte, Rosina, Figaro)
4. Duetto
36:49 “ALL’IDEA DI QUEL METALLO”
(Figaro, Conte)
5. Cavatina
44:41 “UNA VOCE POCO FA”
(Rosina)
6. Aria
57:17 “LA CALUNNIA È UN VENTICELLO”
(Basilio)
7. Duetto
1:04:57 “DUNQUE IO SON”
(Rosina, Figaro)
8. Aria
1:12:03 “A UN DOTTOR DELLA MIA SORTE”
(Bartolo)
9. Finale I
1:19:55 “EHI, DI CASA!… BUONA GENTE!”
(Conte, Bartolo, Rosina)
1:23:49 “CON LA PRESENTE IL DOTTOR BARTOLO”
(Bartolo, Conte, Rosina, Berta, Basilio)
1:27:42 “CHE COSA ACCADDE, SIGNORI MIEI?”
(Figaro, Bartolo, Conte, Rosina, Berta,
Basilio, Ufficiale, Coro)
Stretta del Finale I
1:34:34 “MA SIGNOR…” / „MI PAR D’ESSERE CON LA TESTA”
(Bartolo, Coro, Berta, Basilio, Rosina, Conte, Figaro)

1:40:04 Atto 2

10. Recitativo
1:40:06 “MA VEDI IL MIO DESTINO!”
(Bartolo)
11. Aria
1:47:37 “CONTRO UN COR CHE ACCENDE AMORE”
(Rosina, Conte)
12. Arietta
1:53:10 “QUANDO MI SEI VICINA”
(Bartolo)
13. Quintetto
1:57:09 “DON BASILIO!” / “COSA VEGGO!” / “QUALE INTOPPO!” / “COME QUA?” / “SERVITOR DI TUTTI QUANTI!”
(Rosina, Conte, Figaro, Bartolo, Basilio)
14. Aria
2:09:17 “IL VECCHIOTTO CERCA MOGLIE”
(Berta)
2:15:03 15. Temporale
Recitativo
2:17:46 “ALFINE, ECCOCI QUA”
(Figaro, Conte, Rosina)
16. Terzetto
2:18:57 “AH! QUAL COLPO INASPETTATO!”
(Rosina, Conte)
17. Recitativo instrumentato
2:26:03 “DON BARTOLO!”
(Bartolo, Conte, Basilio)

Finaletto II
2:28:03 “DI SÌ FELICE INNESTO”
(Tutti)

Testo dei tempi e Video: Liberamente tratti dal seguente Canale YOUTUBE
Andrea Natile

 



Andrea Natile

Ho studiato Ingegneria Elettronica a Firenze e ho lavorato in aziende di importanza internazionale come Informatico in diversi settori applicativi. Attualmente i miei interessi principali sono la musica e la storia.

Lascia un commento