Piccola messa solenne', di Rossini, en el Pilar - Dante Alighieri – ZaragozaLa Petite messe può essere considerata il testamento spirituale di Rossini, forse già presago della sua prossima morte.
«Buon Dio, eccola terminata questa umile piccola Messa. È benedetta quella che ho appena fatto, o è solo della benedetta musica? Ero nato per l’ buffa, lo sai bene! Poca scienza, un poco di cuore, tutto qua. Sii dunque benedetto e concedimi il Paradiso.»
(Gioachino Rossini, Passy, 1863)

abbandonò la composizione di opere liriche dopo il successo ottenuto con la sua ultima composizione per il teatro, il Guglielmo Tell (1829) dedicandosi alla da camera e sacra.
Di questi, due sono considerati tra i migliori capolavori della del XIX secolo: lo Stabat Mater, composto tra il 1831 e il 1841, e la Petite messe solennelle, composta nel 1863, cinque anni prima della sua morte ed “ultimo dei miei Peccati di vecchiaia”, come il amava definire i suoi lavori di età senile.
La Petite messe solennelle fu scritta per dodici cantanti, di cui quattro solisti, due pianoforti e un armonium. la volle anche orchestrare, nel 1867, sia perché spinto da più parti ma, soprattutto, ritenendo che se l’orchestrazione fosse stata fatta da qualcun altro musicista dopo la sua morte, l’ non avrebbe avuto quella caratteristica per cui la scrisse.

Testo liberamente tratto da wikipedia
Google Search
 Youtube

 

 

1 views
Categorie:

Andrea Natile

Ho studiato Ingegneria Elettronica a Firenze e ho lavorato in aziende di importanza internazionale come Informatico in diversi settori applicativi. Attualmente i miei interessi principali sono la musica e la storia.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: