J.S.B.Bach cantata BWV 156 – Ich steh’ mit einem Fuß im Grabe

Pubblicato da Andrea Natile il

Ich steh’ mit einem Fuß im Grabe – Sono già con un piede nella fossa
Venne composta da Bach a Lipsia nel 1729 e fu eseguita per la prima volta il 23 gennaio dello stesso anno in occasione della terza domenica dopo l’epifania. Il libretto è di Christian Friedrich Henrici per il terzo ed il quinto movimento, di Johann Hermann Schein per il secondo e di Kaspar Bienemann per il sesto.
Il tema musicale deriva dagli inni Aus tiefer Not schrei ich zu dir, attribuito a Martin Lutero e pubblicato nel 1524, e Machs mit mir, Gott, nach deiner Güt, di Johann Hermann Schein , pubblicato nel 1628.
Struttura
La è composta per soprano solista, contralto solista, tenore solista, basso solista, coro, oboe, violino I e II, viola e basso continuo ed è suddivisa nei seguenti movimenti:

  • Sinfonia.
  • Corale ed aria: Ich steh’ mit einem Fuß im Grabe, per soprano, tenore, archi e continuo.
  • Recitativo: Mein Angst und Not, per basso e continuo.
  • Aria: Herr, was du willst, soll mir gefallen, per contralto, oboe, violino e continuo.
  • Recitativo: Und willst du, dass ich nicht soll kranken, per basso e continuo.
  • Corale: Herr, wie du willst, so schick’s mit mir, per tutti.

La celebre sinfonia di apertura, derivante probabilmente da un perduto concerto per oboe, venne successivamente riutilizzata dallo stesso Bach per il concerto per clavicembalo e orchestra BWV 1056, assemblato a Lipsia nel 1742.

Testo: Liberamente tratto da Wikipedia

Video: Youtube

Andrea Natile


Andrea Natile

Ho studiato Ingegneria Elettronica a Firenze e ho lavorato in aziende di importanza internazionale come Informatico in diversi settori applicativi. Attualmente i miei interessi principali sono la musica e la storia.

Lascia un commento